Crea sito
 
Rosabella and the Citizen cane.

Il primo potere.

SENSIBILITY

aprile 13th, 2005

Okkey. Ultimamente mi son sembrato un po’ sopra le righe.

Con queste storie noir, le battutine brillanti e i racconti alcolici del weekend.

Ma non è che sono sempre così. Se mi impegno posso essere anche peggio. Ma anche meglio. Non so, per esempio, estremamente romantico. Potrei scrivere delle poesie. Alle donne piacciono i tipi romantici. Dicono. Però altri affermano, che le donne, alla fine preferiscano i tipi  rudi e bastardi, che le facciano abbondantemente soffrire e patire di cuore. Insomma. Mettetevi d’accordo. Comunque a me non importa. Perché tanto posso essere sia l’uno che l’altro lato, senza difficoltà. Alla faccia dell’equilibrio. Alla faccia del carattere delineato. Poi, che, sia con il lato selvaggio che con quello romantico, il sottoscritto non batta chiodo, bhè su quello non ci piove. Ma la discussione non verge su questo. Ora vi delizierò con delle mielose strofe in endovena. Tanto per dimostrarvi che.

 

 

"Sferzato come da un vento che di terreno non ha nulla,

se non i profili sui quali scorre.

Forse aliti angelici, dal paradiso privato,

nel quale l’incontrarti, mi ha innalzato.

Sono morto della vita terrena e delle donne comuni,

da quando i tuoi spazi, mi hanno invaso.

Presenze asfisianti che tolgono il respiro e impazzano i battiti.

In ritmi accelerati.

Toglimi gli occhi di dosso, che mi annichilisce tanta perfezione.

Non posso sostenere lo sguardo, mi brucia alla vista.

Più del sole.

Sfiorami le dita con le dita, solo per mantenere contatto.

E indicarmi la strada.

Teniamo le distanze, perchè gravità mi attira,

verso un pericoloso contatto.

Ti parlo ad occhi chiusi per trovare il coraggio, 

immagino figure umane,

che tanto non tendano le corde sui devono scorrere,

le parole che ti ho da dire.

Ascoltami ora e dimmi se,

forma hanno le lettere,

che come schegge conficcate, mi estraggo a fatica dalla carne. 

Pulsante dalle ferite, ma ossigenato dell’amore,

Questo è quanto m’esce di gola.

Lascia che ti dica, lascia che ti canti,

bellezza che non è terrena.

Perché sono un fiume in piena, alimentato dai ghiacci,

che tu hai sciolti della tua calda presenza.

Vorrei dirti che, e poi ancora che. E soprattutto che.

Ma poi.

Che contano le parole,

che valore ha una carezza,

che sapore ha un bacio,

chi è l’amore

dinnanzi a un si gran paio di tette?"

 

 

 

 

 

25 Responses to “SENSIBILITY”

  1. ieleina83 ha detto:

    oiiiii come è dei vostri? dagli qulache anno, almeno , che so fallo arrivare a 7 anni… già lo traviamo noi (calcola che ha due sorelle di 22 e 19 anni!! ) facciamogli godere un po la sua infanzia almeno.. eheh

  2. PleiadiElisewin ha detto:

    certo che puoi…puoi continuare ad adorarle…ghghghghg

  3. SirenVoice ha detto:

    “prendono palate di miliardi, dovrebbero dargli palate nel culo” Duce sic dixit post partitam.

    E oggi la città brulica di hooligans a torso nudo…belvedere.

    Baci. Ale

  4. ieleina83 ha detto:

    oggi non ci sei? carico di lavoro? io si!! strapiena.. ma come al solito mi impegno moltissimo!!! superkiss buona giornata

  5. boxroom ha detto:

    ‘giorno mart, tutto k?

Powered by WordPress. Theme by Sash Lewis.