Crea sito
 
Rosabella and the Citizen cane.

Il primo potere.

Posts Tagged ‘frutti di notti insonni’

Sceneggiature.

venerdì, marzo 23rd, 2012

* * Quando uscivo con Audrey Hepburn mi annoiavo mica poco. Troppa bellezza canonica, robe tipo la ceramica e il vetro soffiato, nessun spigolo vivo, nessuna imperfezione, solo il continuo senso di imminente fragilità. Per uno di montagna abituato a pietra lavica e legno era decisamente troppo. Ti aspetti sempre di ritrovarti fra indice e […]

LA NOTTE AGLI IRTI COLLI.

lunedì, dicembre 7th, 2009

La domenica è così ferma perché è il giorno in cui il creatore esce a fare sport. Pratica il golf. E’ la fine di novembre e qua sotto anche i cretini capiscono perché l’atmosfera è pesante e il piombo è grigio. Non riuscivano a girarlo per dargli la vernice. Sopra quindi, è azzurro, ma sotto, […]

GHOST RIDER.

mercoledì, marzo 18th, 2009

Tavano è a pezzi. Lo ho rivisto dopo un mese di lontananza. Distacco, devo ammettere, voluto. Giustificato alla bell’ e meglio, manco la firma falsa dei genitori. Sono fuori città, sono balato. Vedo delle tizie. No Tavano. Non le ho scopate. Mi era diventato impossibile reggerlo. Fisicamente e intellettualmente. I suoi vestiti hanno iniziare a […]

ASSENTEISMO, ASTINENZA, SPORCACCIONE, COGLIONCELLO.

mercoledì, novembre 26th, 2008

D’improvviso m’è venuto il dono della sintesi. Non c’ho un cazzo da dire. Lasciatemi stare. No vabbè, rimanete. Tu. Tu sei maschio. Puoi andare. Le femmine possono rimanere, è inteso. Avvicinatevi, parliamo. Di che? Ne succedono di robe, ma le vedono tutti. Inutile star qui a raccontarle. Se ne potrebbe discutere l’interpretazione. Fare un po’ […]

CARNALE, SDEGNOSO, TENDENZIALMENTE PENSANTE.

venerdì, luglio 4th, 2008

L’adrenalina non mi fa dormire. Appiattito sul fondo del letto, lenzuola insanguinate in tinta unita, non ruoto sul perno dell’erezione mattutina, non mi prendono nemmeno per sfinimento. Dalle ante accostate attraverso le tende quattro fasci di luce verticale. La luce in fondo al tunnel, istantanea di mutandina luminosa tramontante all’orizzonte di lunghissime cosce abbronzate. Sbircio […]

BIFIDUS ACTIREGULARIS, ERGO SUM!

mercoledì, maggio 21st, 2008

Il lavoro a testa bassa è un metodo efficace per trascorrere la vita in modo veloce ed inutile; (ROM;) un propagandistico Consiglio dei Ministri svoltosi nella nostra sala riunioni ripulita per l’occasione ha legiferato che lo  schioppo sottobraccio è una tecnica efficace per far accettare anche le decisioni più impopolari. (LIGHT;) Stamattina sembrava piovesse nebbia […]

LA POSIZIONE DELLA PECORELLA SMARRITA. (SCENEGGIATURA per CORTOMETRAGGIO – parte 1)

lunedì, marzo 10th, 2008

Scena 1. Notte. Interno abitacolo di un veicolo in movimento. Luogo: strada di mezza montagna che risale dal fondovalle verso un abitato, visibile, illuminato, più in alto. Asfalto lucido di resti pioggia, cielo nero stellato, luna piena sproporzionata si riflette come un faro sotto rade nuvole piatte in fuga. Punto di vista; dal guidatore attraverso […]

LA VITA ENIGMISTICA. (HA UN UNICA SOLUZIONE ALL'ULTIMA PAGINA)

lunedì, febbraio 4th, 2008

Unisci i puntini e indovina il personaggio misterioso. La signora nera con la falce non è una contadina di colore. Sei orizzontale. Ma a vostro avviso, che fine fanno corpo e anima dopo la morte? Siete per una separazione consensuale, per le vie legali, oppure confidate nel proseguo della noiosissima relazione fino alla puntata in […]

SPACCIAVANO IL SENSO DELLA REALTA’, MI PROPONEVANO IL PARADISO. (HO OPTATO PER LE PATATINE ALLA PAPRIKA)

giovedì, gennaio 17th, 2008

Ieri il cardinal Ruini ha dichiarato ad un emittente pubblica che gli ha gentilmente concesso un lauto spazio “i giovani hanno perso il senso della realtà”. Il riferimento era a quanti hanno protestato contro la presenza del Pappone all’inaugurazione dell’anno accademico alla Sapienza. Baciamo le mani. Ai manifestanti. Iniziamo da qui. A livello politico, da […]

MANGIAMUCCA & GATTINO. E IL FORMAGGINO SGNECK.

venerdì, ottobre 19th, 2007

Dopo le prime elezioni planetarie, la popolazione fu ridotta a un mansueto gregge di pecore. Tutti i candidati furono eletti con il massimo delle preferenze e gli abitanti tirarono un sospiro di sollievo. Beeee! Pecore pascolanti in un verdissimo prato di erba sintetica, in poco numerosi crocchi, in coppia, solitarie. Si poteva ancora distinguere il […]

Powered by WordPress. Theme by Sash Lewis.